Ultimo aggiornamento: 14.10.19

 

Abile costruttore di strumenti a fiato, musicista e professore di musica invidiato dai colleghi e persino boicottato con le cattiva maniere.

 

Se oggi siete possessori del miglior sassofono lo dovete a un uomo in particolare ma prima di svelarvi il suo nome, vi siete mai chiesti perché spesso sassofono di abbrevia con sax? Credeteci, la domanda è strettamente collegata al suo inventore. Lo strumento di cui siete appassionati è frutto della mente di Adolphe Sax. Ci sembra giusto raccontarvi la sua storia, visto la grande importanza che ricopre per la musica.

 

Sulle orme del padre

Nato a Diant, cittadina del Belgio francofono, il 6 novembre del 1814 Antoine-Joseph Sax era il maggiore di undici fratelli. È un figlio d’arte poiché suo padre, che si chiamava Charles-Joseph, lavorava a Bruxelles come costruttore di numerosi strumenti a fiato, come fagotti, flauti e clarinetti.

Ben presto Adolphe, come preferiva farsi chiamare, cominciò a lavorare con il padre e maestro, a 16 anni espose i flauti e clarinetti da lui costruiti all’Esposizione Industriale Belga. L’inventiva del giovane Adolphe si manifestò già nel 1833 quando brevettò il Cor omnitonique e un anno dopo il clarinetto basso. Nel 1928 si iscrisse all’Ecole Royale de Musique a Bruxelles dove studiò flauto, clarinetto e armonia.

 

 

La legge acustica

Nel 1842 Sax si trasferì  a Parigi. In questa fase il suo lavoro si concentrò sugli ottoni a pistoni che brevettò nel 1843. Gli strumenti furono molto apprezzati per i grandi vantaggi che avevano rispetto a strumenti analoghi. Questi vennero detti saxhorns e furono seguiti dai cosiddetti saxtrombe e saxtube.

Il 1844 è un anno importante perché Sax elaborò la sua Legge Acustica secondo la quale “la timbrica di ogni singolo suono è stabilita non tanto dal materiale con cui è fatto il corpo che contiene la colonna d’aria bensì dalle proporzioni della stessa”. Tale legge consentì di migliorare notevolmente l’intonazione degli strumenti, il timbro e l’estensione.

 

Una sfida tra bande

In un certo senso Adolphe Sax può essere considerato anche un precursore dei talent show. Sebbene la TV non esistesse ancora (e per fortuna anche certi programmi), Adolphe organizzò una sfida tra due bande musicali militari. Quello, infatti, era un mercato cui Sax, evidentemente anche abile imprenditore, puntava con decisione.

Tuttavia ottenere le commesse era un compito arduo quindi decise di dare prova della superiorità dei suoi strumenti. Da un lato c’era una banda di 45 elementi che suonava strumenti tradizionali, dall’altro una banda che di elementi ne aveva 38 ma che suonava gli strumenti inventati o perfezionati da Sax. Testimoni della sfida che si tenne il 22 aprile del 1845 (al Champ de Mars), furono 20mila spettatori e una giuria di esperti. A vincere fu la banda di Sax.

 

Il sassofono

Nonostante i tanti strumenti inventati o modificati, il più celebre è senza ombra di dubbio il sassofono. Sax ottenne lo strumento unendo l’imboccatura ad ancia del clarinetto a un sistema di chiavi preso anch’esso da quest’ultimo. Inoltre prese spunto dall’oboe, dal flauto e da un canneggio conico interamente realizzato in metallo. Il volume del suono ottenuto da questo strumento ibrido era molto presente e paragonabile a quello degli ottoni pur appartenendo ai legni dei quale mutuava la flessibilità dal punto di vista tecnico. 

Il gruppo completo, composto da contralto, sopranino, soprano, tenore,  basso, baritono e contrabbasso fu brevettato nel 1846. Nel 1857 (e fino al 1870), Sax divenne il primo insegnante di sassofono in assoluto a lavorare per il Conservatorio Superiore con sede a Parigi.

 

Il boicottaggio

L’attività di Sax fu più volte messa a dura prova a causa del boicottaggio di alcuni colleghi, evidentemente invidiosi della sua bravura. Più volte la sua azienda fu data alle fiamme, gli incendi erano di chiara matrice dolosa. Sax dava lavoro a 200 dipendenti, alcuni furono minacciati, altri allettati da proposte economiche per lasciare il lavoro. Lo stesso Sax fu vittima di aggressioni e fu portato in tribunale.

A tutto ciò si aggiunse un cancro alla bocca dal quale guarì. Il boicottaggio continuo lo ridusse in miseria e fu così che morì a parigi nel 1894.

 

 

Dopo la morte

La fama di Sax, soprattutto del sassofono, continuò a crescere dopo la sua morte. IL sassofono divenne molto popolare negli Stati Uniti, tra i jazzisti. È interessante riportare una frase di Joy Santy del museo degli strumenti musicali di Bruxelles: “I musicisti jazz suonano come se cantassero e il sax è il miglior strumento per farlo. Si può piangere, parlare e gridare nel sassofono, proprio come con la voce”.