Ultimo aggiornamento: 24.01.20

 

Principale vantaggio

Per quanto ci riguarda siamo rimasti particolarmente impressionati dal suono che se non è identico alle chitarre fender degli anni ‘70, si avvicina parecchio. Il manico, poi, scorre che è un piacere e le meccaniche sono molto buone. Prezzo decisamente interessante. 

 

Principale svantaggio

Non è facile parlar male di questa chitarra e infatti non lo faremo. Possiamo solo avvertire i lettori che si tratta di uno strumento pesante, questo potrebbe essere l’unico deterrente all’acquisto.

 

Verdetto: 9.8/10

La chitarra a ha un buon rapporto qualità/prezzo, suona magnificamente ed ha una buona qualità costruttiva. Se per voi non è un problema che sia made in Mexico piuttosto che made in USA, fatela vostra.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Suono fedele al modello originale

Ci sono chitarre che sono molto più di semplici strumenti, sono miti, oggetto di desiderio spesso irrealizzabili perché magari introvabili o dai costi proibitivi, dunque ben vengano operazioni che rispolverino vecchie glorie del passato riprendendo la produzione, chiaramente lasciando intatto il sound e le caratteristiche almeno nei limiti del possibile. 

È il caso della Fender Stratocaster classic series 70’s. Però mettiamo subito in chiaro una cosa, il modello che vi stiamo proponendo non è quello made in USA bensì è costruito in Messico, è dunque una versione più economica di quella statunitense, diciamo che questa la pagate all’incirca un 40% in meno, poi dipende dalle offerte che si possono trovare in giro quindi il risparmio può diminuire o persino aumentare. 

Ma non è questo quello che conta o almeno non è ciò che personalmente ci interessa al momento. Meglio badare al suono ed è qui che resterete stupiti! Vi meraviglierete di quanto il suono di questa chitarra, pur essendo prodotta in Messico e abbia un costo inferiore, sia vicino a quelle delle chitarre prodotte negli anni ‘70: è questo il pregio principale, altrimenti sarebbe stata una semplice riproduzione senz’anima.

 

 

I legni

Sappiamo tutti quanto siano importanti i legni per il suono di una chitarra, qui troviamo il corpo in frassino, l’acero, invece è usato per il manico che, come previsto, è quello a “U” e con 21 tasti. Che sensazioni ci ha dato? Piacevolissime, scorre che è un piacere, è abbastanza veloce, ideale per gli assoli. 

Le meccaniche sono di ottimo livello, il ponte è a sei selle, naturalmente vintage. La paletta, anzi, la palettona, è quella tipica degli anni’70 e non poteva essere diversamente. L’accordatura tiene bene anche dopo esservi divertiti con la leve del vibrato. 

Arriva con una action bassa ma qui la questione è personale, i più pignoli, poi, a prescindere, opereranno un setup per avere la chitarra esattamente come piace a loro. A proposito, di serie ha le corde 09. È una chitarra versatile ma se dobbiamo dire la nostra, la vediamo perfetta per sonorità funky e bluesy.

 

Pickup

La chitarra monta i classici tre single coil a al manico, al ponte e al centro. Si tratta di pickup che conferiscono un buon sustain, alti cristallini e dei bassi decisi. Il selettore è a cinque posizioni. Anche in questo caso, naturalmente, si possono apportare delle regolazioni per personalizzare la chitarra e renderla più affine alle proprie esigenze. 

Veniamo alle finiture, anche qui la sorpresa è innegabile perché sono ben fatte nonostante non stiamo parlando di uno strumento top gamma. Proprio come le chitarre degli anni ‘70 presenta quello che per alcuni potrebbe essere un difetto: lo strumento è pesante, chiaramente non parliamo di un macigno ma molti preferiscono una chitarra più leggera di quanto è questa Fender. 

D’altro canto questo è un piccolo prezzo da pagare se si vuole una chitarra uscita originariamente una cinquantina di anni fa.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...