Ultimo aggiornamento: 14.10.19

 

Armonica – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

L’armonica è uno strumento molto diffuso. Le sue origini risalirebbero al 1821 e sarebbe un’invenzione del tedesco Christian Friedrich Ludwig Buschmann. Come vedete non c’è certezza sul quando e da chi fu inventata ma comunque la maggior parte delle fonti portano nella direzione che abbiamo appena descritto. Ma dopotutto si tratta di questioni secondarie, la cosa importante è che l’armonica sia stata inventata e abbia appassionato tantissime persone. Dove la troviamo principalmente? Certamente nel blues, nel folk e nel rock. Di seguito troverete una serie di offerte molto interessanti a nostro modo di vedere e che riguardano le migliori armoniche del 2019, che abbiamo organizzato all’interno di una classifica e per ognuna di esse abbiamo scritto una recensione anche tenendo conto dei pareri espressi dalle persone nel commentare i loro acquisti in rete. Prima di lasciarvi alla descrizione delle armoniche, un’ultima raccomandazione: confrontate i prezzi. Tra le armoniche che abbiamo scelto di proporvi ve ne anticipiamo due: la Mugig armonica blues 10 fori C key con dieci fori numerati e dunque facili da individuare, per la gioia di tutti i dilettanti a cui tale modello si propone, e la Swan 1040 che è uno strumento entry level con un costo interessante.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Opinioni sulle migliori armoniche

 

Prodotti raccomandati

 

Armonica a bocca

 

Mugig armonica blues 10 fori C key

 

L’armonica a bocca Mugig è uno dei modelli più venduti, ciò è dovuto anche al prezzo molto basso. Può essere un buono strumento se messo nelle mani di un ragazzino o di chi vuole togliersi uno sfizio, capire quali difficoltà presenta uno strumento del genere e se può effettivamente appassionarsi.

Questo modello ha dieci fori ed è in Do. I principianti sicuramente si gioveranno dalla numerazione apposta sui fori che in questo modo sono più facili da individuare e riconoscere.

Un plauso dobbiamo assolutamente farlo all’estetica, bella e molto curata, più di quanto ci si potrebbe aspettare da uno strumento di tale fascia di prezzo.

Ma la bella estetica non deve distrarvi dalla qualità modesta dei materiali. Che si tratti di un’armonica per dilettanti lo si capisce anche dall’abbondante fiato che serve per suonarla. La custodia compresa nel costo, pur se di plastica, assolve bene al suo compito di proteggere la Mugig.

 

Pro

Costo: Indubbiamente l’armonica vanta un prezzo abbordabilissimo che ne fa anche una buona idea regalo per un bimbo.

Estetica: Siamo rimasti favorevolmente colpita dall’estetica; è un bell’oggetto che siamo certi saprà conquistarvi al primo sguardo.

Fori numerati: L’armonica ha i fori identificati dai numeri, in questo modo è molto più semplice individuarli e riconoscerli: è una cosa molto utile per i principianti.

 

Contro

Materiali: Non era difficile immaginare che la qualità dei materiali non potesse promettere nulla di buono: i nostri iniziali sospetti hanno trovato ampie conferme.

Servono bei polmoni: Per suonare l’armonica in oggetto è necessario metterci un bel po’ di fiato; è una caratteristica tipica degli strumenti economici.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

Armonica cromatica

 

Armonica cromatica Swan 1040

 

L’armonica Swan in chiave di C a dieci fori è una buona entry level. Gli armonicisti ne hanno apprezzato il suono corposo e la facilità con la quale si riesce a piegare le note. Le lamine delle ance, probabilmente, sono eccessivamente morbide e questo potrebbe spiegare il suo scordarsi nel breve periodo.

Va detto che inizialmente l’intonazione è perfetta. La maggior parte delle persone in possesso di questa armonica cromatica è concorde nel giudicare positivamente il rapporto qualità – prezzo pur avendo ben chiaro che lo strumento non è neanche lontanamente paragonabile ai cosiddetti mostri sacri. Bisogna dire che la leva che serve per cambiare le note in bemolle, tende a bloccarsi.

Esteticamente l’armonica è molto bella; è venduta insieme a una custodia all’interno della quale trovate anche un panno per la pulizia.

 

Pro

Rapporto qualità – prezzo: A giudicare dalle recensioni pubblicate in rete, gran parte delle persone è concorde nell’affermare che l’armonica abbia un buon rapporto qualità/prezzo.

Estetica: È uno strumento che dal punto di vista estetico non ha nulla da invidiare a modelli di livello superiore.

 

Contro

Lamine morbide: Le lamine delle ance risultano troppo morbide e questo potrebbe spiegare perché molti lamentano che l’armonica si scordi nel breve periodo.

Leva: Ad alcuni capita che la leva per il cambio in bemolle non funzioni alla perfezione nel senso che tende a bloccarsi.

Acquista su Amazon.it (€29,99)

 

 

 

Armonica diatonica

 

Suzuki SU-MR-250 Blues Master

 

Suzuki è un marchio molto stimato tra gli armonicisti e chiaramente ha la sua linea di strumenti per principianti come quello che vi stiamo proponendo. Il rapporto qualità/prezzo è buono, anche se ci teniamo a precisare che non si tratta di un’armonica economica.

La somma richiesta, comunque, è alla portata di tutti. È disponibile in diverse tonalità. Il corpo è in fibra sintetica con sette viti di fissaggio.

Le ance sono termosaldate con accordatura laser. A proposito dell’accordatura, c’è chi si lamenta della sua tenuta poco dopo l’acquisto. I dieci fori sono numerati e dunque facili da individuare. Lo strumento è leggero, agevole da maneggiare. La confezione che funge anche da custodia dovrebbe essere più piccola perché al suo interno l’armonica balla.

 

Pro

Prezzo vantaggioso: Molti utenti giudicano positivamente il costo dello strumento poiché, vista la qualità dell’armonica, poteva essere superiore.

Leggera: L’armonica, pur essendo molto resistente, è anche leggera e questo ha impressionato favorevolmente gli armonicisti.

 

Contro

Custodia: Le sue dimensioni sono eccessive rispetto allo strumento che dunque al suo interno viene sballottato.

Accordatura: Premesso che inizialmente lo strumento è perfettamente accordato, la situazione cambia dopo un po’. Secondo alcuni si scorda troppo in fretta.

Acquista su Amazon.it (€35)

 

 

 

Armonica blues

 

Neuma Harmonica 10 Holes

 

È un’armonica  a dieci fori in chiave C che si adatta a qualsiasi genere musicale. La prima cosa che balza all’occhio di questo nuovo modello è certamente il prezzo che è molto basso. L’estetica è curata, più di quanto ci si potrebbe aspettare da uno strumento così economico.

Le sue dimensioni sono piuttosto piccole e dunque sta tranquillamente in tasca. È dotata di una custodia di plastica per conservare lo strumento quando non è in uso. Prima di riporlo, ricordate di usare il panno compreso nella confezione per una veloce pulizia.

Chiaramente non stiamo parlando di un’armonica per professionisti o per quanti sono a un livello avanzato. Ciò si capisce anche dalla forza che serve per emettere un suono apprezzabile.

 

Pro

Economica: L’armonica Neuma costa pochissimo pertanto può fare al caso di chi vuole semplicemente togliersi uno sfizio senza investire troppo.

Bel design: Da un punto di vista estetico l’armonica è ben realizzata: a guardarla nessuno penserebbe che costi così poco.

 

Contro

Soffiate forte: Per emettere suoni accettabili con l’armonica Neuma bisogna avere polmoni adeguati: in tanti hanno lamentato questo limite.

Per soli dilettanti: L’armonica non va assolutamente bene per i professionisti ma neanche chi ha già maturato una certa esperienza.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

Armonica Hohner

 

Hohner Armonica A Bocca Tonalita

 

Hohner è un altro di quei marchi stimati dagli armonicisti. Questo è un modello in Do a dieci fori ma chiaramente potete optare per altre tonalità. Pur non essendo professionale, a nostro avviso si tratta di uno strumento entry level di tutto rispetto.

Gli acquirenti hanno apprezzato la vicinanza dei fori, maggiore rispetto ad altri modelli analoghi e ciò semplifica l’esecuzione.

Una lamentela, invece, riguarda il comb che essendo in legno capita si gonfi e a qualcuno questo fatto disturba. Non manca la custodia di plastica che però non tutti hanno apprezzato ritenendola un po’ fragile o comunque non all’altezza di un marchio come Hohner; sia chiaro, l’armonica al suo interno è ben protetta ma era lecito aspettarsi una plastica migliore. Quanto all’estetica è sicuramente gradevole, carina se preferite ma nulla di più.

 

Pro

Fori ravvicinati: Apprezzabile la vicinanza tra i fori che contribuiscono a rendere più semplice l’esecuzione della musica.

Suono: Pur essendo un’armonica entry level, la qualità del suono è soddisfacente. Inoltre, possiamo dire senza timore di smentita che il rapporto qualità/prezzo sia buono.

 

Contro

Comb in legno: Non tutti si sono detti convinti del comb in legno che, se si suona a lungo, tende a gonfiarsi. Tale situazione ha infastidito parecchie persone.

Materiali della custodia: A detta di alcuni acquirenti la custodia è realizzata con materiali di qualità insoddisfacente, da un marchio come Hohner ci si aspetta il meglio anche per gli accessori.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armonica tremolo

 

Eastar Armonica Tremolo di 24 fori

 

Quella di  è un’armonica ben costruita capace di produrre un suono che non ha mancato di raccogliere apprezzamenti da chi l’ha comprata. È stata una vera sorpresa anche considerando il prezzo non certo esoso. L’armonica ha 24 tasti ed è in tonalità di Do. L’accordatura è molto buona, precisa. L’esecuzione del bending non presenta particolare problemi, cosa tutt’altro che scontata considerando la fascia di prezzo. Le ance, secondo alcuni, sono eccessivamente morbide.

Ma soffermiamoci anche sul design che, siamo certi ne converrete con noi, è molto curato. Insomma, è proprio un bell’oggetto da sfoggiare. Lo strumento non dovrebbe deludere i principianti che anzi, potrebbero restare molto sorpresi e soddisfatti.

 

Pro

Buona costruzione: L’armonica è ha una qualità costruttiva convincente, cosa che certamente ha il suo peso nel bel suono che la caratterizza.

Accordatura: Lo strumento si mette in luce per la buona accordatura che alcuni descrivono come molto precisa.

Design: Altro punto a favore di questo modello che, oltre a essere bello, è anche curato. Siamo molto soddisfatti di questo aspetto.

 

Contro

Ance: Leggendo tra i commenti pubblicati in rete c’è chi le ritiene troppo morbide, magari non per tutti è un problema ma ci sembrava opportuno segnalarlo.

Acquista su Amazon.it (€22,99)

 

 

 

Armonica diatonica in Do

 

Swan armonica blues diatonica

 

L’armonica Swan è uno dei modelli più venduti tra i principianti. Costa poco e questo incoraggia all’acquisto anche i più titubanti che non sanno se impareranno mai a suonarla. Il prezzo, però, deve essere un chiaro indicatore di ciò che vi dovete aspettare.

È persino superfluo dire che non è adatta ai professionisti ma neanche a chi l’armonica la sa già suonare. È certamente un buon passatempo per chi suona di rado o per metterla nelle mani di un bambino: se le vostre intenzioni sono altre, allora dovete orientarvi su un’armonica di livello superiore, tanto di qualità quanto di prezzo.

Quanto ai fori sono dieci, non sempre suonano tutti come affermato in diverse recensioni ma probabilmente la questione è un’altra: serve parecchio fiato più ci si sposta dal primo tasto verso l’ultimo.

 

Pro

Costa poco: Non dovrete svenarvi per l’acquisto dell’armonica: è quanto di meno costoso possiate trovare in vendita.

Design: Non male l’estetica dello strumento, tutto sembra essere ben curato, il design è degno di un’armonica di fascia superiore.

 

Contro

Fori: L’armonica è a dieci fori ma non tutti emettono note o più probabilmente non si riesce a suonare perché più ci si sposta verso l’ultimo foro e maggiore è il fiato necessario.

Materiali: Diretta conseguenza di un prezzo così basso è l’impiego di materiali modesti per qualità. Sarebbe stato impossibile attendersi di meglio.

Acquista su Amazon.it (€6,26)

 

 

 

Spartiti per armonica

 

Metodo di armonica per l’autodidatta

 

Il metodo è per armonica cromatica e diatonica. All’interno del libro trovate fraseggi per il rock, il blues, il pop, il folk e il country.

Le note sono di facile lettura e a semplificare l’apprendimento c’è un CD in allegato.

Il metodo è pensato per i principianti mentre chi ha già un po’ di dimestichezza con l’armonica lo troverà inutile e fin troppo semplificato: bisogna vederlo come il primo ma fondamentale passo per apprendere i rudimenti ma appena terminati tutti gli esercizi suggeriamo di passare a un metodo che approfondisca di più l’argomento.

 

 

Acquista su Amazon.it (€14,36)

 

 

 

Come scegliere una buona armonica

 

Sul mercato non mancano armoniche davvero molto interessanti ma questo avremo modo di dimostrarvelo quando vi parleremo nel dettaglio degli articoli che abbiamo selezionato e per i quali vi preghiamo di fare un’attenta comparazione prima di prendere la vostra decisione. Se trovate qualcosa di interessante  e volete sapere dove acquistare a prezzi bassi la migliore armonica, cliccate sul link sottostante. Immaginiamo vogliate sapere come scegliere una buona armonica; ve lo spiegheremo tra un attimo.

 

 

Un buon compromesso tra prezzo e qualità

Per capire come scegliere una buona armonica ci sono diversi aspetti di cui tenere conto. Il rapporto tra la qualità e il prezzo è certamente uno di questi. Se state leggendo la nostra guida è probabile che non siate degli esperti sull’argomento, dunque essendo voi alle prime armi vi sconsigliamo di spendere cifre ingenti.

Ciò che vi serve ora è uno strumento per fare pratica, esercitarvi. Attenzione, non vi stiamo dicendo di comprare un giocattolo (sulla questione torneremo tra un attimo, nel prossimo paragrafo perché si tratta di un argomento importante) ma che potete comprare l’armonica della migliore marca e destinata ai dilettanti. In questo modo avrete la garanzia del produttore spendendo una somma consona al vostro livello di armonicisti che, probabilmente, è ancora molto basso.

 

Evitate le armoniche eccessivamente economiche

Noi sconsigliamo di comprare un’armonica molto economica perché certamente sarà stata costruita con materiali pessimi e assemblati male. Uno strumento con le suddette caratteristiche è impossibile da suonare e rende più difficile l’apprendimento. Forse ora è più chiaro cosa intendevamo quando nel paragrafo precedente vi abbiamo detto di non comprare “giocattoli”. Ma non disperate perché non è difficile trovare un modello più economico ma comunque decente e ve lo dimostreremo tra un attimo quando vi parleremo delle armoniche vendute online.

 

 

Pronti per il salto di qualità

Siete partiti con un’armonica per principianti, ci siete affezionati. È giusto ma adesso avete bisogno di altro, qualcosa che sia più adatto all’abilità che avete maturato come armonicisti. Nessuno vi dice di separarvi dal vostro primo strumento ma di affiancarlo a un altro di livello superiore.

Dopotutto si tratta di un’esigenza che sentite perché vi rendete conto che il timbro della vecchia armonica non vi piace più e magari adesso vi esibite anche davanti a un pubblico e una situazione del genere impone strumenti di livello superiore. Chiaramente dovrete spendere qualcosa di più rispetto alla prima volta, forse il doppio ma ne vale la pena e noterete immediatamente la differenza sia dei materiali sia del suono.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come suonare l’armonica?

Premesso che avrete la necessità di procurarvi un buon metodo se non potete rivolgervi a un maestro, bisogna innanzitutto imparare in modo corretto la respirazione. Tenete presente che l’armonica è l’unico strumento a fiato che richiede delle pause per inspirare. Per suonare le  note singole dovete contrarre le labbra e appoggiarle sul foro da suonare preoccupandovi di tappare sempre con le labbra quelli che sono adiacenti alla nota da emettere. Per gli accordi, invece, è necessario soffiare in almeno due fori. Queste operazioni valgono anche se volete scoprire come si suona l’armonica a 24 fori o come si suona l’armonica tremolo.

 

Con quale tonalità conviene cominciare a suonare l’armonica?

La tonalità più adatta per un principiante è il Do poiché è quella centrale del set di accordature che sono Sol, La, Si, Do (notate la posizione al centro), Re, MI, Fa. Ma è la tonalità più adatta anche per altre ragioni; infatti non è eccessivamente dura come, ad esempio, l’armonica in Fa o troppo morbida come quella in Sol.

 

Quali sono le differenze tra un’armonica diatonica e una cromatica?

Non sono poche le differenze. Se volete imparare come si suona l’armonica cromatica dovete sapere che è accordata su una scala che ha la disposizione delle note a intervalli uguali. In altre parole la sequenza delle note sulla prima ottava è uguale a quella sulle altre ottave. L’armonica diatonica, invece è accordata su una scala per l’appunto diatonica e dunque incompleta rispetto alla cromatica. Chiaramente è possibile suonare le note mancanti mediante l’utilizzo di specifiche tecniche.

 

Cos’è il bending?

La tecnica del bending permette di suonare un bemolle. Ma spieghiamoci con un esempio. Immaginiamo di avere un’armonica in Do; usando il bending sul terzo foro (aspirando), otteniamo un Si bemolle, poi un La e un La bemolle.

 

Come pulire l’armonica

Innanzitutto è necessario smontare lo strumento. Potete mettere il corpo centrale sotto l’acqua corrente calda a patto che non sia di legno. Servendovi di un cotton fioc, pulite tra le zone di separazione. Non senza essere delicati, pulite le anime di metallo che potete immergere in acqua a 80° per una manciata di minuti. Una volta tolta l’anima di metallo dall’acqua inserite tra le ance un oggetto sottile per rimuovere lo sporco. Asciugate tutto con un panno morbido.

 

 

 

Come utilizzare un’armonica

 

L’armonica è uno di quei pochi strumenti tascabili e pertanto è possibile portarla sempre con sé. Si può suonare da soli oppure insieme a una band. L’armonica, poi, può mettersi al servizio di diversi generi musicali: gli unici limiti sono la creatività e la tecnica. Noi non possiamo insegnarvi come essere creativi nè questo è il luogo per apprendere le tecniche che sono alla base dell’armonica, tuttavia possiamo darvi delle dritte che, ne siamo certi, potranno esservi utili.

 

 

Il primo passo

Una delle prime cose che bisogna imparare è come si tiene in mano l’armonica. Dopotutto è una regola che vale per qualsiasi strumento musicale. Se non si correggono immediatamente gli errori d’impostazione c’è il rischio di portarseli dietro per sempre. L’armonica va tenuta in questo modo: una mano deve sorreggerla, l’altra, invece, deve formare una coppetta sul retro: lo spazio che si viene a creare lavora come una cassa di risonanza.

 

Accordi e note singole

Con un’armonica non soltanto è possibile suonare le singole note ma anche degli accordi. Vediamo sinteticamente come si fa. Nel primo caso, ovvero quello delle singole note, ci sono due tecniche: quella detta puckering e la tongue blocking. Per usare la puckering dovete contrarre le labbra e appoggiarle su uno dei fori preoccupandovi di chiudere gli altri fori sempre con le labbra. Nel caso della tecnica tongue blocking, invece, i fori si chiudono con la lingua. Passiamo agli accordi. In questo caso dovete aspirare o inspirare in almeno due fori. Se volete ottenere un accompagnamento ritmico dovete picchiettare con la lingua.

 

 

Pulizia e manutenzione

Per garantire lunga vita alla vostra armonica dovete fare un po’ di manutenzione. Lo strumento va tenuto sempre ben pulito. Ad esempio agire sul corpo centrale, se non di legno, con acqua calda. Le anime in metallo possono essere messe a mollo per qualche minuto in acqua a 80°. Se tutto lo sporco non è venuto via, potete rimuoverlo servendovi di qualcosa di sottile. La cosa importante è essere delicati. Per asciugare lo strumento usate un panno morbido.