Gli 8 Migliori Accordatori per Chitarra del 2024

Ultimo aggiornamento: 24.02.24

 

Accordatore per Chitarra – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Suonare uno strumento accordato è fondamentale, ancor di più se si suona insieme con altri musicisti. Immaginate la scena: una band dove ognuno ha lo strumento scordato; ne verrebbe fuori un suono orribile. Dunque si tratta della prima operazione da fare quando ci si appresta a suonare. A un musicista davvero esperto può bastare il suo orecchio per riconoscere le note. Quelli meno esperti, pur facendo riferimento al loro udito, hanno bisogno di un supporto, ovvero una nota di riferimento suonata da un altro strumento. Poi c’è il metodo più preciso di tutti, oltre che il più immediato, rappresentato dall’accordatore. Ed è proprio di questo strumento che vogliamo parlarvi nella nostra guida poiché è prezioso per tutti i musicisti, professionisti o dilettanti che siano. Vi diamo subito due consigli: il Beatberry – Sintonizzatore a clip, che si presenta con un design piacevole e una buona versatilità. Il secondo è il Korg Pitchclip2 PC-2, caratterizzato da un display LED facilmente leggibile che permette di individuare subito il tono raggiunto.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Accordatori per Chitarra – Classifica 2024

 

È davvero indispensabile un accordatore per un chitarrista? Diciamo che averlo è sempre meglio, anche se non è strettamente necessario. Quando non esisteva questo dispositivo, gli strumenti si accordavano lo stesso, anzi, intere orchestre si accordavano ma le nuove tecnologie servono per migliorare e facilitare la nostra vita (almeno così dovrebbe essere) dunque ben vengano i migliori accordatori per chitarra del 2024.

Non sapete come muovervi tra le tante offerte disponibili sul mercato? Vi aiutiamo noi proponendovi una serie di modelli per i quali vi invitiamo fare una comparazione. Se trovate l’accordatore che vi convince mettiamo a vostra disposizione un link che vi suggerisce dove acquistare a prezzi bassi l’articolo. Per agevolarvi la scelta abbiamo scritto una recensione per gli accordatori venduti online e organizzato il tutto secondo una classifica.  

 

 

Accordatore per chitarra classica

 

1. Beatberry – Sintonizzatore a clip, accordatore cromatico per chitarra

 

Uno dei migliori accordatori per chitarra a livello di design, il Beatberry colpisce per la sua realizzazione in legno. Questa caratteristica lo rende ideale per l’abbinamento a strumenti in legno di noce come chitarre acustiche e classiche, ukulele e violini, una scelta non solo estetica, ma anche ecologica in quanto realizzato nel totale rispetto dell’ambiente. 

L’accordatore si rivela anche molto preciso, ideale sia per accordare lo strumento velocemente in casa o in sala prove, ma anche per i concerti dal vivo e le sessioni in studio di registrazione. Riesce a fornire un’accordatura accurata in ambienti molto rumorosi, quindi potrete utilizzarlo anche mentre il vostro batterista si sta scaldando. 

Il pratico schermo LCD ruotabile di 360 gradi e inclinabile di 125 gradi risulta facilmente leggibile, potrete vedere chiaramente la nota raggiunta e il tono, senza dover sforzare la vista. Gradevole anche la custodia, realizzata nello stesso materiale dell’accordatore.

 

Pro

Materiali: Se cercate un prodotto ecologico, allora questo accordatore può fare al caso vostro, in quanto è stato realizzato interamente in legno di noce. 

Versatile: Potrete utilizzare l’accordatore con chitarre classiche, acustiche, ukulele e violini.

Preciso: Riesce a dare la nota giusta anche in ambienti molto rumorosi, ideale per accordare lo strumento in sala prove quando si suona con altri musicisti. 

 

Contro

Batteria: Il copribatteria dispone di viti molto piccole che possono renderne difficile l’apertura per la sostituzione della pila. Assicuratevi di avere un cacciavite delle dimensioni adatte, in modo da poterle svitare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra elettrica

 

2. Korg Pitchclip2 PC-2 Accordatore Clip-On

 

Gli accordatori per chitarra a clip sono i più recenti e lentamente hanno quasi sostituito i vecchi modelli elettronici che però rimangono comunque i più precisi. Il prodotto Yamaha rientra in quest’ultima categoria ed è stato progettato per strumenti elettrici come chitarre e bassi. Si presenta con una forma piuttosto ingombrante rispetto agli altri modelli, inoltre per usarlo è necessario collegare lo strumento tramite cavo jack. 

In compenso l’accordatore si rivela estremamente preciso, quindi adatto per il tuning dello strumento durante le registrazioni in studio e concerti dal vivo. È possibile selezionare il tono dell’accordatura, cambiare la nota singola oppure usare la funzione cromatica. 

Il prodotto dispone anche di un microfono grazie al quale potrete accordare strumenti acustici, compreso il pianoforte. Lo schermo LCD retroilluminato vi permette di usarlo in condizioni di scarsa visibilità, vedendo chiaramente la nota e il livello del tono. 

 

Pro

Preciso: Se cercate un accordatore molto preciso per il tuning dello strumento in studio di registrazione o in sede live, allora questo modello può fare al caso vostro.

Funzioni: Potrete selezionare la nota singola da accordare oppure usare la modalità cromatica per un’accordatura veloce. Sarà possibile cambiare anche il tono per effettuare accordature diverse da quelle standard.

Display: Facilmente leggibile e retroilluminato, vi permette di controllare l’accordatura anche al buio. 

 

Contro

Poco pratico: Rispetto agli accordatori a clip, questo modello si rivela decisamente più ingombrante. Inoltre per usarlo con strumenti elettrici dovrete necessariamente effettuare il collegamento tramite jack.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra acustica

 

3. Asmuse Accordatore Clip per Chitarra

 

Una soluzione pratica ed economica, l’accordatore per chitarra Asmuse si presenta con un design compatto e un prezzo davvero ridotto che vi permette di risparmiare. Ideale per musicisti alle prime armi, così come per intermedi o avanzati in cerca di un modello ‘da battaglia’ da portare in sala prove o da usare in casa. 

Il design a clip vi consente di applicarlo facilmente alla paletta del vostro strumento, inoltre lo schermo LCD inclinabile e ruotabile permette una facile lettura della nota da accordare. Nonostante il prezzo basso si rivela abbastanza preciso, sebbene non sia comunque adatto ad accordare gli strumenti per registrazioni in studio o concerti dal vivo.

I materiali lasciano un po’ a desiderare, quindi dovrete trattarlo con una certa cura per farlo durare nel tempo. Nella confezione troverete anche un pratico porta plettro con tre plettri. 

 

Pro

Prezzo: Si presenta con un costo davvero basso, ideale se siete musicisti alle prime armi in cerca di un accordatore economico, o se vi serve un prodotto ‘da battaglia’. Nella confezione troverete anche dei plettri e un porta plettro.

Design: Si rivela molto pratico grazie alla clip da applicare alla paletta dello strumento e allo schermo LCD ruotabile e inclinabile.

Precisione: L’accordatore può andare bene per il tuning rapido dello strumento quando siete in sala prove o in casa.

 

Contro

Materiali: Visto il costo molto basso non c’è da aspettarsi una qualità eccelsa a livello costruttivo, cosa che non va a favore della longevità complessiva del prodotto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra 12 corde

 

4. D’Addario PW-CT-12 Accordatore a Paletta Planer Waves

 

Buone critiche le ha ricevute l’accordatore a clip d’Addario. Realizzato con materiali convincenti, a cominciare da quello per l’attacco, è preciso e abbastanza veloce nel riconoscere le note. Se vi serve un accordatore per chitarra a 12 corde, questo potrebbe fare al caso vostro. La piattaforma gira  a 360° e si adatta a qualsiasi tipo di paletta. Le sue performance sono buone sia con gli strumenti acustici sia con quelli elettrici.

Le dimensioni a dir poco discrete sono un pregio da non sottovalutare per chi ci tiene a tener nascosto l’accordatore. Infatti, se fissato sulla parte posteriore della paletta, difficilmente il pubblico lo noterà.

Pochi i difetti, tra questi forse c’è l’eccessiva sensibilità che ha causato qualche difficoltà a chi accorda mentre ci sono altri che stanno suonando. Il costo, rispetto alla media degli accordatori a clip è più elevato.

 

Pro

Preciso e veloce: L’accordatore D’Addario riconosce con precisione e celerità le note suonate. È, a nostro avviso, uno strumento molto affidabile.

Invisibile o quasi: Le sue dimensioni ridotte lo rendono invisibile o quasi agli occhi del pubblico, basta posizionarlo dietro la paletta e nessuno lo noterà.

 

Contro

Troppo sensibile: L’accordatore è fin troppo sensibile tanto è vero che, se qualcuno sta suonando altri strumenti intorno a voi, può complicarvi l’accordatura.

Costo: Rispetto alla media degli accordatori a clip, il D’Addario ha un prezzo superiore, anche se non proibitivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra Mooer

 

5. Mooer Baby Tuner Pedale Accordatore Cromatico

 

Quello di Mooer è un accordatore che può essere utilizzato per strumenti elettrici ed elettroacustici, quindi per la chitarra, il basso e la chitarra a sette corde. Dotato di un display, può contare su ben 108 LED ad alta luminosità, che possono essere ben percepiti anche in presenza di forte luce solare, quindi non solo al buio.

Questo aspetto è molto apprezzato dagli utenti, unito al fatto che le dimensioni dello schermo sono più grandi rispetto a quelle di modelli simili. Il pedale ha dimensioni molto contenute, motivo per il quale è molto apprezzato da chi lo ha scelto, inoltre è dotato di una buona precisione e non deve essere calibrato per accordature differenti da quelle canoniche.

Arriva con una custodia in metallo, che lo rende un regalo adatto a un chitarrista che vuole sempre il meglio. Il costo non è proibitivo ed è in linea con le caratteristiche di un prodotto base, per chi non ha molte pretese in merito.

 

Pro

Display: Questo pedale accordatore è dotato di un display più grande di quelli in commercio e che conta su 108 LED visibili anche in presenza di forte luce.

Dimensioni: Questo modello è piccolo e quindi non ingombrante, perfetto per chi non vuole un accordatore troppo importante.

Preciso: Si tratta di uno strumento che non richiede una calibrazione se si vogliono provare nuove accordature e che non fa fare fatica nel sistemare la propria chitarra.

Custodia: Arriva dotato di un contenitore in metallo, che lo rende perfetto anche come regalo per un appassionato.

 

Contro

Base: Il prezzo del prodotto è in linea con le sue caratteristiche, ovvero quelle di un modello base, per chi non ha grosse pretese in merito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra elettronico

 

6. Korg GA-1 Accordatore per Chitarra

 

Il Korg GA-1 è un accordatore per chitarra elettrico affidabile che supporta le accordature speciali grazie alla funzione Quinta Flat Tuning. In pratica il Korg permette un’accordatura fino a cinque semitono sotto. Non è finita perché è adatto anche alle chitarre a sette corde. Il suo utilizzo è molto semplice e può essere impiegato, oltre che con chitarre e bassi elettrici (va inserito il jack nell’apposito ingresso), anche con gli strumenti acustici poiché è dotato di microfono.

Il design è un po’ retrò mentre il display non è retroilluminato e abbastanza anonimo graficamente. Il costo contenuto si spiega con l’utilizzo di materiali modesti. È preciso nel rilevare la nota suonata ma anche lento nel farlo.

 

Pro

Supporta le accordature speciali: Non tutti i chitarristi suonano secondo l’accordatura standard, per loro il Korg GA-1 sarà una piacevole sorpresa in quanto supporta quelle speciali fino a cinque semitono sotto.

Adatto per chitarra a 7 corde: Se siete in possesso di una chitarra a sette corde, con il Korg GA-1 potrete accordarla senza difficoltà in quanto supporta l’accordatura per questi strumenti.

 

Contro

Lento: L’accordatore non è esattamente un fulmine nel rilevare la nota fatta vibrare; ciò ha dato parecchio fastidio a chi l’ha comprato.

Display non illuminato: Lo schermo dell’accordatore non è così comodo da leggere, soprattutto in caso di buio poiché non è retroilluminato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra a pedale

 

7. Ammoon Accordatore Pedale Chitarra

 

Gli accordatori a pedale sono molto apprezzati dai musicisti che usano chitarre elettriche e pedaliere. Il modello di Ammoon si presenta con un buon prezzo che vi permette di aggiungerlo alla vostra pedaliera personalizzata senza spendere troppo. 

Il display LCD con led rossi si rivela molto semplice da usare, inoltre per attivarlo non dovrete fare altro che schiacciare il pulsante apposito. È stato realizzato con una copertura in metallo estremamente resistente, ideale quindi per suonare dal vivo e per portarlo con voi ovunque andiate. 

Il prodotto si rivela molto preciso grazie al design ad ampia frequenza che vi permette di raggiungere il tono giusto per ogni nota. Trattandosi di un accordatore cromatico, non si rivela proprio adatto per i principianti, inoltre se non avete intenzione di costruirvi una pedaliera personalizzata, questo modello si rivela un po’ superfluo. 

 

Pro

Per pedaliere: Se state cercando un accordatore economico da abbinare alla vostra pedaliera personalizzata, allora questo modello potrà fare al caso vostro. 

Preciso: Il design ad alta frequenza vi consente di accordare lo strumento con grande precisione su ogni nota, ideale per concerti dal vivo e registrazioni in studio.

Resistente: La scocca di metallo lo rende estremamente solido e durevole nel tempo, così potrete portarlo ovunque e farne un uso intensivo.

 

Contro

Poco pratico: Se siete alle prime armi potreste trovare un po’ scomodo questo accordatore, in quanto dispone solo di modalità per l’accordatura cromatica. Per usarlo dovrete necessariamente collegare lo strumento tramite jack.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra Fender

 

8. Fender FT-1 Pro Clip-On Tuner Accordatore

 

Non poteva mancare nella nostra classifica un accordatore per chitarra Fender, brand tra i leader del settore oltre che nome leggendario. Lo FT-1 è un modello a clip dunque va applicato sulla paletta dello strumento per percepire le vibrazioni delle corde suonate e mostrare la nota sul suo display ottimamente illuminato. È di piccole dimensioni, anche se non è quanto di più discreto ci sia in commercio. I materiali non ci sembrano un granché ma comunque l’attacco ci dà sufficienti garanzie di resistenza.

Nel rilevare la nota è veloce ma la precisione non è massima, anche se parliamo di margini d’errore trascurabili per i chitarristi meno pignoli. Il costo forse non rispecchia esattamente il valore materiale dell’accordatore, diciamo che potete trovare in giro accordatori di pari livello ma pagandoli qualche euro in meno.

 

Pro

Veloce: L’accordatore Fender è da apprezzare per la sua reattività: è rapido nel rilevare la nota suonata; una caratteristica messa in luce da parecchi clienti soddisfatti.

Illuminazione del display: Ci riteniamo molto soddisfatti per il display che è sufficientemente ampio ma soprattutto ben illuminato e leggibile.

 

Contro

Precisione: È stata notata una certa imprecisione, seppur minima. Probabilmente è un peccato veniale ma che dobbiamo comunque segnalare ai nostri lettori.

Prezzo: Non costa assai ma probabilmente più di quanto effettivamente vale. Riteniamo che per qualche euro in meno si possano comprare accordatori analoghi anche se di produttori meno blasonati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere un buon accordatore per chitarra?

 

Facilita la vita del chitarrista

Un accordatore dà dei vantaggi al musicista? Sicuramente sì e sono diversi i pareri concordi in merito. Ma probabilmente voi volete andare subito al sodo e sapere in cosa vi avvantaggia questo strumento. Il primo punto da mettere in risalto è che il miglior accordatore per chitarra riconosce un gran numero di frequenze. Ciò consente di usare diversi tipi di accordatura oltre a quella standard. Esempio, con un accordatore è più semplice accordare lo strumento in drop C ovvero con le corde a vuoto che corrispondono a questa serie di note: DO-SOL-DO-FA-LA-RE.

Ma un accordatore serve anche per avere la massima precisione dell’accordatura grazie a un supporto grafico che vi dice se aumentare o diminuire la tensione della corda per ottenere esattamente la nota che state cercando. Chiariamo una cosa in merito alla precisione, questa potrebbe essere poco attendibile in un accordatore economico ma si tratta di una imprecisione trascurabile, soprattutto quando non si è professionisti. Ad ogni modo tenete presente questo dettaglio quando vi chiedete come scegliere un buon accordatore per chitarra.

 

Tipi di accordatore

Ci sono più tipi di accordatore, sebbene facciano tutti lo stesso lavoro. A volte non c’è neanche bisogno di comprarli. Iniziamo proprio da questi. Esistono simpatiche app per smartphone che permettono di accordare lo strumento. Tuttavia il chitarrista deve necessariamente avere materialmente un dispositivo che gli consenta di accordare velocemente la sua chitarra. Ci sono gli accordatori Clip On Tuner, molto utili per gli strumenti acustici che si applicano sulla paletta: sono in grado di riconoscere la frequenza della corda e tradurla in nota. Ci sono, poi gli accordatori con ingresso per il jack della chitarra, utili per gli strumenti elettrici che possono essere accordati senza l’uso dell’amplificatore: sono piccoli, compatti e tascabili.

Da segnalare anche i modelli a pedale, utili da aggiungere al proprio set di effetti così da controllare l’accordatura immediatamente, con un semplice gesto. Infine segnaliamo l’accordatore polifonico che permette in un sol colpo di verificare l’intonazione di tutte le corde della chitarra. Se siete professionisti tenete in grande considerazione quest’ultimo quando riflettete su quale accordatore per chitarra comprare, anche se non è quanto di più economico si possa trovare in giro.

 

 

Display ben leggibile

In un accordatore non bisogna sottovalutare le caratteristiche del display perché ci mostra le informazioni circa l’accordatura. Soprattutto in un contesto live il display deve essere abbastanza ampio, luminoso, eventualmente con una scala cromatica ben distinguibile.

Altra caratteristica importante, è che deve essere comodo da azionare quando ci si esibisce dal vivo, sempre che non siate a un livello tale da permettervi il vostro tecnico personale che vi sostituisce la chitarra durante il live set e si preoccupa che tutto funzioni alla perfezione.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come accordare la chitarra con l’accordatore?

Indipendentemente dal tipo di accordatore, il procedimento per l’accordatura è sempre lo stesso. L’accordatore mostra la nota che viene suonata, ora bisogna vedere se questa è coerente con il tipo di accordatura che si intende utilizzare. Per esempio, se vogliamo l’accordatura della corda del MI e non ci sono aggiustamenti da fare, sul display compare la nota E. In caso contrario bisogna agire sulla chiave per tendere o allentare la corda.

 

Come funziona l’accordatore elettronico per chitarra

L’accordatore elettronico per chitarra è in grado di riconoscere la frequenza emessa dalla corda vibrante e la decodifica in nota. Come per tutti gli accordatori, utilizza la notazione anglosassone. Questo presenta un ingresso jack che consente di stabilire, mediante un cavo, un collegamento con la chitarra elettrica (può avere anche un microfono per l’accordatura degli strumenti acustici).

Se il cavo è di ottima fattura e soprattutto se integro, non ci sono elementi di disturbo che possano alterare l’accordatura.

 

Come accordare la chitarra classica senza accordatore

Innanzitutto, la chitarra può essere accordata con se stessa. Cosa vogliamo dire? Che la corda del MI grave venga usata come riferimento per l’accordatura delle restanti corde. Non importa che il MI non sia effettivamente tale. Chiaramente questo metodo va bene se suonate da soli. Se, invece, cercate un’accordatura più precisa potete servirvi di un diapason. Il più usato è quello in LA che ha una frequenza di 440 Hz. Altro metodo è avere uno strumento di riferimento, meglio se una tastiera.

 

Come riconoscere le note sull’accordatore

Quando si è agli inizi con uno strumento e si compra il primo accordatore c’è il rischio di restare spiazzati. Cerchiamo di accordare il MI ma hai voglia a girare la chiave in un senso o nell’altro: tutto ciò che mostra il display dell’accordatore sono delle lettere. Sarà difettoso? No. Il problema è che questo dispositivo utilizza la notazione anglosassone che è completamente diversa da quella che tutti abbiamo imparato a scuola durante le lezioni di musica; ve la mostriamo:  A (La) – B (Si) – C (Do) – D (Re) – E (Mi) – F (Fa) – G (Sol).

 

 

 

Come utilizzare l’accordatore

 

Vediamo come utilizzare al meglio l’accordatore a seconda del tipo. Non abbiate timore perché non è una cosa complicata anzi, qualunque accordatore userete vi semplificherà di gran lunga la vita, senza contare che vi farà risparmiare tempo.

 

 

Le note anglosassoni

Se avete deciso di servirvi di un accordatore, vi conviene iniziare a familiarizzare con la notazione anglosassone poiché è questa che viene impiegata al posto di quella che conosciamo fin da bambini. Dunque non aspettatevi di vedere sul display comparire un MI oppure un LA. Cosa ci appare allora? A (La) – B (Si) – C (Do) – D (Re) – E (Mi) – F (Fa) – G (Sol).

 

Accordatore a clip

Questo tipo di accordatore è particolarmente indicato per gli strumenti non amplificati. Alimentato da una batteria, viene fissato alla paletta dello strumento attraverso un attacco a clip in modo da rilevare le vibrazioni emesse dalla corda che vibra. Solitamente questi accordatori possono funzionare con più strumenti, ad esempio il basso oltre alla chitarra. Dunque, prima di accordare, impostate il tipo di strumento pigiando l’apposito pulsante. Ricordate che ai fini di un’accordatura perfetta, dovete selezionare correttamente lo strumento.

 

Accordatore con microfono

Utile sia per gli strumenti acustici che per quelli elettrici è l’accordatore con microfono. Non c’è la necessità di fissarlo sulla paletta dello strumento come invece accade per quello a clip; basta sistemarlo a breve distanza, suonare la corda e osservare il display.

 

Per la chitarra elettrica

A nostro avviso il miglior accordatore per una chitarra elettrica è quello dotato di ingresso jack poiché più affidabile dal punto di vista della precisione. L’utilizzo è molto semplice, basta collegarlo allo strumento mediante il jack che, attenzione, deve essere integro; meglio se di buona qualità. Un accordatore del genere può essere a pedale oppure no.

 

 

L’interpretazione dell’accordatore

Adesso vediamo come va interpretato un accordatore, come capire se la corda è accordata oppure no. Il seguente esempio dovrebbe chiarire tutti i dubbi. Suonate una corda a vuoto, ad esempio, il Mi grave. Se il display mostra una E vuol dire che è accordata ma attenzione, perché dovete osservare anche la grafica sottostante alla lettera (nella maggior parte dei modelli). Ad esempio, sotto alla lettera potrebbe esserci un pallino in mezzo a delle freccette, tacche o altri simboli. Se l’accordatura è perfetta, il pallino si cambierà colore, per esempio da rosso a verde.

Vediamo un altro caso. Dovete sempre accordare il MI ma invece della E, l’accordatore mostra un D. Questo significa che dovete tendere la corda fin quando non compare il simbolo E.

 

 

 

Quanti tipi di accordatori per chitarra ci sono

 

 

Cromatico e polifonico

Preliminarmente vogliano trattare due termini che definiscono una caratteristica fondamentale dell’accordatore. Questo può essere cromatico o polifonico. Confusi, siamo stati poco chiari e/o avari di informazioni? È comprensibile ma quanto segue chiarirà meglio la questione. Un accordatore cromatico riconosce tutte le note, di conseguenza può essere usato per tutti gli strumenti, mostrandovi una nota per volta. 

La particolarità di un accordatore polifonico, invece, è di mostrare in contemporanea l’accordatura di tutte le corde. Ciò permette di avere sotto controllo lo stato generale dell’accordatura della vostra chitarra. Soprattutto in un contesto live, lo riteniamo un dispositivo di grande utilità e praticità.

 

 

L’accordatore stroboscopico

Vogliamo cominciare con un accordatore poco comune, anche perché è abbastanza costoso e probabilmente dal funzionamento neanche tanto immediato per l’apprendista chitarrista. Si tratta dell’accordatore stroboscopico. Per ovvie ragioni non stiamo parlando di quello inventato negli anni ‘30 da Conn ma di accordatori il cui funzionamento prende spunto proprio da quel modello e quindi dalla tecnologia strobe tuning. Da quanto ne sappiamo, attualmente sono prodotti e commercializzati soltanto da Peterson ma se avete altre notizie in merito, fatecelo sapere. Questo modello è capace di una misurazione del pitch molto precisa.

 

Accordatore portatile

Gli accordatori portatili iniziano fin dagli anni ‘70  e sono stati una grossa novità in quanto potevano essere messi in tasca o nella custodia della chitarra e portarseli dietro, ne troviamo sia per strumenti elettrici sia acustici. Questi accordatori possono riconoscere la frequenza delle note grazie a un microfono oppure, nel caso della chitarra elettrica, stabilendo un collegamento mediante il cavo. Tenete presente che nel caso di utilizzo del microfono, i rumori ambientali potrebbero essere fonte di disturbo.

 

Accordatore  a clip

L’accordatore a clip è molto comodo e non è disturbato dai rumori di fondo. Si applica sulla paletta della chitarra al fine di rilevare la vibrazione delle corde, riconoscerne la frequenza e mostrare sul display la nota suonata. Questo accordatore pensato principalmente per strumenti acustici, non risente dei rumori ambientali e volendo, può essere lasciato sulla paletta anche mentre si suona così da tenere sempre sotto controllo l’accordatura.

 

Accordatore a pedale

Molto utile, soprattutto in sede live, l’accordatore a pedale. È chiaramente pensato per gli strumenti elettrici e dà il vantaggio di avere un rapido accesso allo stato dell’accordatura ed eventualmente intervenire celermente in caso di necessità. Si integra alla perfezione con il vostro set di effetti e chiaramente, in un collegamento in serie, deve essere il primo.

 

Accordatore da rack

Se vi trovate in uno studio di registrazione, è da prediligere l’uso di un accordatore da rack. Si tratta di accordatori molto sofisticati e precisi, oltre che costosi e possono avere più entrate e uscite.

 

Accordatore da foro di risonanza

Questo tipo di accordatori sono una buona alternativa a quelli a clip, dunque, vanno bene per chitarra classica e acustica poiché progettati per essere agganciati al foro di risonanza della chitarra.

 

 

Accordatori per smartphone

Abbiamo app praticamente per tutto e non potevano mancare anche quelle per accordare la chitarra e che rappresentano una soluzione molto comoda: viene sfruttato il microfono del telefono e proprio per tale ragione alcuni ritengono che pecchino in precisione. Altri, invece, si dicono molto soddisfatti. Secondo noi, soprattutto come soluzione d’emergenza, è ottima.

 

Gli accordatori virtuali

Questo tipo di accordatori sono da usare con il computer. Oggi se ne trovano disponibili tantissimi gratuiti ma dovete sapere che ci sono in vendita anche dei software che quindi non richiedono la disponibilità di una connessione internet.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

1 COMMENTI