Ultimo aggiornamento: 23.08.19

 

Accordatore per chitarra – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Suonare uno strumento accordato è fondamentale, ancor di più se si suona insieme con altri musicisti. Immaginate la scena: una band dove ognuno ha lo strumento scordato; ne verrebbe fuori un suono orribile. Dunque, l’accordatura è la prima operazione da fare quando ci si appresta a suonare. A un musicista davvero esperto può bastare il suo orecchio per riconoscere le note. Quelli meno esperti, pur facendo riferimento al loro udito, hanno bisogno di un supporto, ovvero una nota di riferimento suonata da un altro strumento. Poi c’è il metodo più preciso di tutti, oltre che il più immediato, rappresentato dall’accordatore. Ed è proprio di questo strumento che vogliamo parlarvi nella nostra guida poiché è prezioso per tutti i musicisti, professionisti o dilettanti che siano. Vi diamo subito due consigli firmati TC Electronic: il Polytune clip e il Polytune 2. Il primo è un accordatore a clip mentre l’altro è a pedale; entrambi sono veloci e precisi, oltre che polifonici.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Opinioni sui migliori accordatori per chitarra

 

È davvero indispensabile un accordatore per un chitarrista? Diciamo che averlo è sempre meglio, anche se non è strettamente necessario. Quando non esisteva questo dispositivo, gli strumenti si accordavano lo stesso, anzi, intere orchestre si accordavano ma le nuove tecnologie servono per migliorare e facilitare la nostra vita (almeno così dovrebbe essere) dunque ben vengano i migliori accordatori per chitarra del 2019.

Non sapete come muovervi tra le tante offerte disponibili sul mercato? Vi aiutiamo noi proponendovi una serie di modelli per i quali vi invitiamo fare una comparazione. Se trovate l’accordatore che vi convince mettiamo a vostra disposizione un link che vi suggerisce dove acquistare a prezzi bassi l’articolo. Per agevolarvi la scelta abbiamo scritto una recensione per gli accordatori venduti online e organizzato il tutto secondo una classifica.  

 

Prodotti raccomandati

 

Accordatore per chitarra classica

 

TC Electronic Polytune clip

 

Se siete chitarristi esigenti crediamo che non resisterete alla tentazione di comprare questo accordatore per chitarra classica (e non solo) prodotto da TC Electronic. Si tratta di un nuovo modello a clip, dunque da fissare sulla paletta dello strumento, polifonico. Tale caratteristica vi consente di avere immediatamente sott’occhio l’accordatura della chitarra ma non di una sola corda bensì tutte quante. I punti di forza sono tanti, a cominciare dalla precisione e dalla velocità nel riconoscere la nota suonata.

La clip è realizzata in metallo, a differenza di tanti altri modelli che usano materiali di plastica. Perché è importante questo dettaglio? Perché una clip solida che si mantiene ben salda alla paletta significa maggior precisione nel captare le frequenze della corda che vibra. Le dimensioni sono compatte ma ciò non pregiudica il display che è sufficientemente grande. Il passaggio dal metodo polifonico e quello monofonico è semplicissimo: basta pizzicare la corda e l’accordatore cambia modalità.

Cosa invece potrebbe far desistere dall’acquisto? Sicuramente il prezzo che, seppur non proibitivo, è di gran lunga superiore ad altri accordatori a clip poi il fatto che non possa essere ruotato su se stesso.

 

Pro

Polifonico: Essendo un accordatore polifonico consente di avere sotto controllo contemporaneamente l’accordatura di tutte le corde.

Veloce e preciso: Nel rilevare le note emesse dalle corde l’accordatore ha dimostrato di essere rapido e molto accurato, con grande soddisfazione dei chitarristi.

 

Contro

Costo: Pur non avendo un prezzo inaccessibile, per comprarlo servono molti più soldi di quanti servirebbero per un comune accordatore a clip.

Movimenti limitati: Alcuni chitarristi hanno evidenziato l’impossibilità di far ruotare il display su se stesso, dunque, i movimenti sono un po’ limitati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra elettrica

 

TC Electronic Polytune 2

 

TC Electronic ci regala sempre dei “giocattolini” interessanti come questo Polytune 2. Si tratta di un accordatore per chitarra elettrica  a pedale ma non uno qualsiasi: è polifonico. Dunque, sul display potete osservare, in contemporanea, l’accordatura di tutte le corde. Volete passare alla modalità mono? È molto semplice, vi basta pizzicare una corda. Veniamo a due degli elementi critici per un accordatore, che sono i tempi di risposta e soprattutto la precisione.

Noi siamo rimasti soddisfatti di entrambi. Per quanto riguarda l’alimentazione avete due possibilità: una batteria da 9 V oppure un alimentatore. Quest’ultimo non è incluso nella confezione e dunque va comprato separatamente.

Vi avvertiamo che costa un bel po’. Visto che siamo in argomento, il prezzo del Polytune 2 è alto, è una spesa che forse ha senso solo se suonate a certi livelli.

 

Pro

Polifonico: Permette di verificare l’accordatura tutte le corde in contemporanea e per passare alla funzionalità monofonica basta un piccolo gesto.

Affidabile: L’accordatore tra i suoi punti di forza ha la precisione e la velocità nel riconoscere le note suonate, doti che un professionista cerca sempre in un accordatore.

 

Contro

Costa tanto: Non è un accordatore da comprare a cuor leggero o almeno non lo è se siete dilettanti che non hanno precise esigenze. Il motivo? Il prezzo è elevato.

Alimentatore assente: Nonostante sia tra gli accordatori più cari in commercio, non trovate l’alimentatore nella confezione e indovinate un po’… costa parecchio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra acustica

 

Mugig Accordatore da paletta per Chitarra

 

L’accordatore per chitarra acustica e classica Mugig è tra i più venduti. Si tratta di un modello a clip che ci ha impressionati favorevolmente. L’ampio e illuminato display consente la facile lettura in qualsiasi condizione di luce. Rumori ambientali e altri strumenti non costituiscono disturbo.

Il prezzo è irrisorio ma dobbiamo dire che la precisione non è massima, d’altra parte con i prodotti economici spesso è così.

Poco convincente anche la velocità che impiega per rilevare le note. I materiali sono modesti, in particolare l’attacco che non dà tanta fiducia sulla sua resistenza nel corso del tempo. Per un principiante un accordatore del genere può andare bene mentre lo riteniamo inadeguato ai professionisti a causa della precisione approssimativa cui abbiamo accennato un attimo fa.

 

Pro

Display: Di questo modello abbiamo apprezzato il suo display che, oltre ad avere dimensioni ampie e funzionali alla lettura, è anche ben illuminato.

Costo: È venduto a un prezzo che è praticamente alla portata di tutti, anche nel caso non dovesse soddisfare, l’investimento richiesto è tale da non causare eccessive arrabbiature.

 

Contro

Poco preciso: I chitarristi hanno notato una certa imprecisione dell’accordatore, pur se trascurabile per un chitarrista che suona a livello amatoriale.

Materiali: La qualità non è delle migliori e difficilmente avrebbe potuto esserlo visto il costo. Preoccupa la sensazione di fragilità che trasmette l’attacco.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra 12 corde

 

D’Addario PW-CT-12

 

Buone critiche le ha ricevute l’accordatore a clip d’Addario. Realizzato con materiali convincenti, a cominciare da quello per l’attacco, è preciso e abbastanza veloce nel riconoscere le note. Se vi serve un accordatore per chitarra a 12 corde, questo potrebbe fare al caso vostro. La piattaforma gira  a 360° e si adatta a qualsiasi tipo di paletta. Le sue performance sono buone sia con gli strumenti acustici sia con quelli elettrici.

Le dimensioni a dir poco discrete sono un pregio da non sottovalutare per chi ci tiene a tener nascosto l’accordatore. Infatti, se fissato sulla parte posteriore della paletta, difficilmente il pubblico lo noterà.

Pochi i difetti, tra questi forse c’è l’eccessiva sensibilità che ha causato qualche difficoltà a chi accorda mentre ci sono altri che stanno suonando. Il costo, rispetto alla media degli accordatori a clip è più elevato.

 

Pro

Preciso e veloce: L’accordatore D’Addario riconosce con precisione e celerità le note suonate. È, a nostro avviso, uno strumento molto affidabile.

Invisibile o quasi: Le sue dimensioni ridotte lo rendono invisibile o quasi agli occhi del pubblico, basta posizionarlo dietro la paletta e nessuno lo noterà.

 

Contro

Troppo sensibile: L’accordatore è fin troppo sensibile tanto è vero che, se qualcuno sta suonando altri strumenti intorno a voi, può complicarvi l’accordatura.

Costo: Rispetto alla media degli accordatori a clip, il D’Addario ha un prezzo superiore, anche se non proibitivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra Guitar Tuna

 

Guitar Tuna

 

L’uso dell’accordatore Guitar Tuna è sempre più di diffuso. Dopotutto siamo sommersi di applicazioni di tutti i tipi e naturalmente non potevano mancare quelle per i chitarristi. La comodità di avere un’app del genere sul proprio smartphone è innegabile. L’uso è molto semplice l’unica cosa da fare è consentire l’accesso dell’applicazione al microfono. La grafica è piuttosto essenziale ma va bene così.

Oltretutto sono presenti dei piccoli e semplici esercizi pensati per permettervi di imparare gli accordi base e ciò è molto utile per i meno esperti. C’è anche il metronomo. L’applicazione è scaricabile nella versione gratuita ma se vi interessano altri tipi di accordatura oltre quella standard, vanno pagati. L’applicazione è abbastanza veloce nel rilevare la nota ma non ci sembra essere precisissima.

 

Pro

Intuitiva: L’applicazione è intuitiva sia nella grafica sia nel funzionamento. L’accordatura non presenta difficoltà perché al chitarrista è ben indicato se allentare o tendere la corda.

Pratica: Guitar Tuna si fa apprezzare per la sua praticità: l’accordatore è sempre a portata di mano, basta avere con sé lo smartphone.

 

Contro

Incompleta: La versione gratuita non è completa; per accordature non standard bisogna comprare uno specifico pacchetto di aggiornamento.

Non precisissima: L’accordatura che si ottiene non è accuratissima, molto dipende anche dalla distanza cui si trova il microfono del telefono, oltre a elementi di disturbo come potrebbero essere dei rumori ambientali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra elettronico

 

Korg GA-1

 

Il Korg GA-1 è un accordatore per chitarra elettrico affidabile che supporta le accordature speciali grazie alla funzione Quinta Flat Tuning. In pratica il Korg permette un’accordatura fino a cinque semitono sotto. Non è finita perché è adatto anche alle chitarre a sette corde. Il suo utilizzo è molto semplice e può essere impiegato, oltre che con chitarre e bassi elettrici (va inserito il jack nell’apposito ingresso), anche con gli strumenti acustici poiché è dotato di microfono.

Il design è un po’ retrò mentre il display non è retroilluminato e abbastanza anonimo graficamente. Il costo contenuto si spiega con l’utilizzo di materiali modesti. È preciso nel rilevare la nota suonata ma anche lento nel farlo.

 

Pro

Supporta le accordature speciali: Non tutti i chitarristi suonano secondo l’accordatura standard, per loro il Korg GA-1 sarà una piacevole sorpresa in quanto supporta quelle speciali fino a cinque semitono sotto.

Adatto per chitarra a 7 corde: Se siete in possesso di una chitarra a sette corde, con il Korg GA-1 potrete accordarla senza difficoltà in quanto supporta l’accordatura per questi strumenti.

 

Contro

Lento: L’accordatore non è esattamente un fulmine nel rilevare la nota fatta vibrare; ciò ha dato parecchio fastidio a chi l’ha comprato.

Display non illuminato: Lo schermo dell’accordatore non è così comodo da leggere, soprattutto in caso di buio poiché non è retroilluminato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accordatore per chitarra a pedale

 

Tom’sline Engineering AT07

 

Un buon accordatore per chitarra a pedale è lo AT07. Lo vediamo molto bene per un uso dal vivo anche se questo non significa che sia un accordatore adatto ai professionisti. Ci ha sicuramente convinto il display che ha una buona illuminazione, bei colori ed è facilmente leggibile anche con scarsa luce. Non dubitiamo della sua precisione nel rilevare le note ma lo fa con calma nel senso che è un pizzico lento.

I materiali sono di buona qualità, peccato che possa funzionare soltanto con l’alimentatore, non è previsto l’uso di una batteria, possibilità che secondo noi sarebbe stata molto comoda. Le dimensioni piccole fanno sì che il pedale ben si integri all’interno di un set di effetti e controlli.

 

Pro

Display: Quello di questo accordatore ci è davvero piaciuto: buona la definizione, i colori sono vivaci ed è ben illuminato così da accordare agevolmente lo strumento anche al buio.

Preciso: A nostro parere si tratta di un accordatore molto accurato tanto è vero che riteniamo la sua precisione uno dei principali punti di forza.

 

Contro

Niente batterie: Il pedale, con nostro disappunto, può funzionare solo se collegato a un alimentatore, non è possibile il funzionamento a batteria.

Lento: Abbiamo notato un problema di latenza nel rilevare la nota che viene fatta vibrare. Sono problemi come questi che scontentano i professionisti.

Acquista su Amazon.it (€19,99)

 

 

 

Accordatore per chitarra Fender

 

Fender FT-1 Pro Clip-On Tuner

 

Non poteva mancare nella nostra classifica un accordatore per chitarra Fender, brand tra i leader del settore oltre che nome leggendario. Lo FT-1 è un modello a clip dunque va applicato sulla paletta dello strumento per percepire le vibrazioni delle corde suonate e mostrare la nota sul suo display ottimamente illuminato. È di piccole dimensioni, anche se non è quanto di più discreto ci sia in commercio. I materiali non ci sembrano un granché ma comunque l’attacco ci dà sufficienti garanzie di resistenza.

Nel rilevare la nota è veloce ma la precisione non è massima, anche se parliamo di margini d’errore trascurabili per i chitarristi meno pignoli. Il costo forse non rispecchia esattamente il valore materiale dell’accordatore, diciamo che potete trovare in giro accordatori di pari livello ma pagandoli qualche euro in meno.

 

Pro

Veloce: L’accordatore Fender è da apprezzare per la sua reattività: è rapido nel rilevare la nota suonata; una caratteristica messa in luce da parecchi clienti soddisfatti.

Illuminazione del display: Ci riteniamo molto soddisfatti per il display che è sufficientemente ampio ma soprattutto ben illuminato e leggibile.

 

Contro

Precisione: È stata notata una certa imprecisione, seppur minima. Probabilmente è un peccato veniale ma che dobbiamo comunque segnalare ai nostri lettori.

Prezzo: Non costa assai ma probabilmente più di quanto effettivamente vale. Riteniamo che per qualche euro in meno si possano comprare accordatori analoghi anche se di produttori meno blasonati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere un buon accordatore per chitarra

 

Facilita la vita del chitarrista

Un accordatore dà dei vantaggi al musicista? Sicuramente sì e sono diversi i pareri concordi in merito. Ma probabilmente voi volete andare subito al sodo e sapere in cosa vi avvantaggia questo strumento. Il primo punto da mettere in risalto è che il miglior accordatore per chitarra riconosce un gran numero di frequenze. Ciò consente di usare diversi tipi di accordatura oltre a quella standard. Esempio, con un accordatore è più semplice accordare lo strumento in drop C ovvero con le corde a vuoto che corrispondono a questa serie di note: DO-SOL-DO-FA-LA-RE.

Ma un accordatore serve anche per avere la massima precisione dell’accordatura grazie a un supporto grafico che vi dice se aumentare o diminuire la tensione della corda per ottenere esattamente la nota che state cercando. Chiariamo una cosa in merito alla precisione, questa potrebbe essere poco attendibile in un accordatore economico ma si tratta di una imprecisione trascurabile, soprattutto quando non si è professionisti. Ad ogni modo tenete presente questo dettaglio quando vi chiedete come scegliere un buon accordatore per chitarra.

 

Tipi di accordatore

Ci sono più tipi di accordatore, sebbene facciano tutti lo stesso lavoro. A volte non c’è neanche bisogno di comprarli. Iniziamo proprio da questi. Esistono simpatiche app per smartphone che permettono di accordare lo strumento. Tuttavia il chitarrista deve necessariamente avere materialmente un dispositivo che gli consenta di accordare velocemente la sua chitarra. Ci sono gli accordatori Clip On Tuner, molto utili per gli strumenti acustici che si applicano sulla paletta: sono in grado di riconoscere la frequenza della corda e tradurla in nota. Ci sono, poi gli accordatori con ingresso per il jack della chitarra, utili per gli strumenti elettrici che possono essere accordati senza l’uso dell’amplificatore: sono piccoli, compatti e tascabili.

Da segnalare anche i modelli a pedale, utili da aggiungere al proprio set di effetti così da controllare l’accordatura immediatamente, con un semplice gesto. Infine segnaliamo l’accordatore polifonico che permette in un sol colpo di verificare l’intonazione di tutte le corde della chitarra. Se siete professionisti tenete in grande considerazione quest’ultimo quando riflettete su quale accordatore per chitarra comprare, anche se non è quanto di più economico si possa trovare in giro.

 

 

Display ben leggibile

In un accordatore non bisogna sottovalutare le caratteristiche del display perché ci mostra le informazioni circa l’accordatura. Soprattutto in un contesto live il display deve essere abbastanza ampio, luminoso, eventualmente con una scala cromatica ben distinguibile.

Altra caratteristica importante, è che deve essere comodo da azionare quando ci si esibisce dal vivo, sempre che non siate a un livello tale da permettervi il vostro tecnico personale che vi sostituisce la chitarra durante il live set e si preoccupa che tutto funzioni alla perfezione.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come accordare la chitarra con l’accordatore?

Indipendentemente dal tipo di accordatore, il procedimento per l’accordatura è sempre lo stesso. L’accordatore mostra la nota che viene suonata, ora bisogna vedere se questa è coerente con il tipo di accordatura che si intende utilizzare. Per esempio, se vogliamo l’accordatura della corda del MI e non ci sono aggiustamenti da fare, sul display compare la nota E. In caso contrario bisogna agire sulla chiave per tendere o allentare la corda.

 

Come funziona l’accordatore elettronico per chitarra

L’accordatore elettronico per chitarra è in grado di riconoscere la frequenza emessa dalla corda vibrante e la decodifica in nota. Come per tutti gli accordatori, utilizza la notazione anglosassone. Questo presenta un ingresso jack che consente di stabilire, mediante un cavo, un collegamento con la chitarra elettrica (può avere anche un microfono per l’accordatura degli strumenti acustici).

Se il cavo è di ottima fattura e soprattutto se integro, non ci sono elementi di disturbo che possano alterare l’accordatura.

 

Come accordare la chitarra classica senza accordatore

Innanzitutto, la chitarra può essere accordata con se stessa. Cosa vogliamo dire? Che la corda del MI grave venga usata come riferimento per l’accordatura delle restanti corde. Non importa che il MI non sia effettivamente tale. Chiaramente questo metodo va bene se suonate da soli. Se, invece, cercate un’accordatura più precisa potete servirvi di un diapason. Il più usato è quello in LA che ha una frequenza di 440 Hz. Altro metodo è avere uno strumento di riferimento, meglio se una tastiera.

 

Come riconoscere le note sull’accordatore

Quando si è agli inizi con uno strumento e si compra il primo accordatore c’è il rischio di restare spiazzati. Cerchiamo di accordare il MI ma hai voglia a girare la chiave in un senso o nell’altro: tutto ciò che mostra il display dell’accordatore sono delle lettere. Sarà difettoso? No. Il problema è che questo dispositivo utilizza la notazione anglosassone che è completamente diversa da quella che tutti abbiamo imparato a scuola durante le lezioni di musica; ve la mostriamo:  A (La) – B (Si) – C (Do) – D (Re) – E (Mi) – F (Fa) – G (Sol).

 

 

 

Come utilizzare l’accordatore

 

Vediamo come utilizzare al meglio l’accordatore a seconda del tipo. Non abbiate timore perché non è una cosa complicata anzi, qualunque accordatore userete vi semplificherà di gran lunga la vita, senza contare che vi farà risparmiare tempo.

 

 

Le note anglosassoni

Se avete deciso di servirvi di un accordatore, vi conviene iniziare a familiarizzare con la notazione anglosassone poiché è questa che viene impiegata al posto di quella che conosciamo fin da bambini. Dunque non aspettatevi di vedere sul display comparire un MI oppure un LA. Cosa ci appare allora? A (La) – B (Si) – C (Do) – D (Re) – E (Mi) – F (Fa) – G (Sol).

 

Accordatore a clip

Questo tipo di accordatore è particolarmente indicato per gli strumenti non amplificati. Alimentato da una batteria, viene fissato alla paletta dello strumento attraverso un attacco a clip in modo da rilevare le vibrazioni emesse dalla corda che vibra. Solitamente questi accordatori possono funzionare con più strumenti, ad esempio il basso oltre alla chitarra. Dunque, prima di accordare, impostate il tipo di strumento pigiando l’apposito pulsante. Ricordate che ai fini di un’accordatura perfetta, dovete selezionare correttamente lo strumento.

 

Accordatore con microfono

Utile sia per gli strumenti acustici che per quelli elettrici è l’accordatore con microfono. Non c’è la necessità di fissarlo sulla paletta dello strumento come invece accade per quello a clip; basta sistemarlo a breve distanza, suonare la corda e osservare il display.

 

Per la chitarra elettrica

A nostro avviso il miglior accordatore per una chitarra elettrica è quello dotato di ingresso jack poiché più affidabile dal punto di vista della precisione. L’utilizzo è molto semplice, basta collegarlo allo strumento mediante il jack che, attenzione, deve essere integro; meglio se di buona qualità. Un accordatore del genere può essere a pedale oppure no.

 

 

L’interpretazione dell’accordatore

Adesso vediamo come va interpretato un accordatore, come capire se la corda è accordata oppure no. Il seguente esempio dovrebbe chiarire tutti i dubbi. Suonate una corda a vuoto, ad esempio, il Mi grave. Se il display mostra una E vuol dire che è accordata ma attenzione, perché dovete osservare anche la grafica sottostante alla lettera (nella maggior parte dei modelli). Ad esempio, sotto alla lettera potrebbe esserci un pallino in mezzo a delle freccette, tacche o altri simboli. Se l’accordatura è perfetta, il pallino si cambierà colore, per esempio da rosso a verde.

Vediamo un altro caso. Dovete sempre accordare il MI ma invece della E, l’accordatore mostra un D. Questo significa che dovete tendere la corda fin quando non compare il simbolo E.